In vista del referendum del 17 aprile che riguarda le possibili installazioni di piattaforme petrolifere nel Mar Mediterraneo,  si costituisce a Petrosino il Comitato Cittadino NOTRIV PETROSINO. L’interesse del comitato è quello di  informare e sensibilizzare la cittadinanza sull’importanza della partecipazione al referendum e sui conseguenti danni che queste provocano in ambiente costiero e sub- marino.[su_spacer]

Molte sono le realtà associative che sostengono il Comitato al fine di preservare il nostro patrimonio costiero e marino, diverse associazioni e gruppi tra cui il Gruppo Cambia Petrosino, Gruppo NEP, Gruppo MUSA, Pinnanobilis, A.S.D. Mare Club Biscione, Misericordia Petrosino, Fare Ambiente Petrosino, Associazione Nazionale Vigili del fuoco delegazione Petrosino, Liberi a Sinistra, Comitato Spiaggia di Torrazza.  La risposta che il Comitato Cittadino NOTRIV Petrosino vuole è proteggere l’ambiente e il mare nella sua totalità non usufruendo di un bene comune solo per interesse economico. Il Comitato a tal fine vuole impegnarsi  a portare a conoscenza del referendum l’intera cittadinanza e per l’occasione il 28 Marzo allestirà uno spazio informativo in piazza Biscione, grazie all’associazione Pinnanobilis e A.S.D. Mare Club Biscione. Al fine di raggiungere risultati importanti il Comitato Cittadino Petrosino NOTRIV si avvale della collaborazione del Coordinamento Provinciale in difesa del territorio trapanese già attivo in provincia.[su_spacer]

Il referendum vuole eliminare l’art.35 del Decreto Sviluppo che rende più semplice alle multinazionali del greggio lo sfruttamento del mare e l’art.38 dello Sblocca Italia riguardante la scelta che regioni  ed enti locali debbano decidere insieme allo Stato.[su_spacer]

Per info e contatti: Comnotrivpetrosino@libero.it

Leave a Reply

Your email address will not be published.