Alcamo, Dopo lo stop dettato dall’emergenza Coronavirus, il Museo di Arte Contemporanea al Collegio dei
Gesuiti, apre le sue stanze alla Mostra “STORIE”.


A partire da lunedì 1^giugno e fino al 30 Giugno, il MACA ospiterà una mostra d’arte
contemporanea di due giovani artisti emergenti. Gli artisti Baldassare Orlando e Gabriele La
Teana, rispettivamente di Alcamo e di Milano, si sono conosciuti a mezzo social e seppur diversi
artisticamente, hanno deciso di mettere insieme una mostra per raccontare le proprie storie. Due
stili differenti uniti dall’esaltazione del colore e dettati dal dinamismo visivo che evidenzia la
voglia di far emergere i propri messaggi.


Dichiarano congiuntamente il Sindaco Domenico Surdi e l’assessore alla cultura, Lorella Di Giovanni
“Durante questi mesi di lockdown le attività del MACA si sono spostate sui social con le Mostre
on-line di promettenti giovani artisti. Dal 25 maggio la cultura e l’arte hanno potuto riaprire le
porte. Nella considerazione dell’importanza rivestita dal nostro Museo di Arte contemporanea
per la città di Alcamo, l’Amministrazione ha voluto ricominciare sin da subito e in piena sicurezza
le attività culturali ospitando, nella splendida cornice del Complesso Monumentale del Collegio
dei Gesuiti, “STORIE”, la mostra di due giovani artisti che, insieme, rappresentano l’energia, la
vitalità e il talento dell’Italia che riparte”.


Baldassare Orlando, classe 1991, studia al liceo Artistico Michelangelo Buonarroti di Trapani
indirizzo Decorazione Pittoriche, vive la pittura come un alfabeto alternativo, la sua arte
raggiunge uno stile di riconoscimento caratterizzato dall’uso di colori vivaci e strisce a rullo ovvero
senza l’utilizzo di pennelli tradizionali. Recentemente ha avviato un percorso di rivalutazione di
alcuni materiali, dai resti (tavolette di legno truciolato colorate con gli scarti del colore acrilico)
rinascono delle opere d’arte.


Già vincitore del primo premio al 4°concorso arti visive di Gigarte con l’opera “Celebrazione della
famiglia” (al Maca dal 1 al 30 giugno) vanta la partecipazione a delle collettive alla Galleria Merlino
di Firenze, al Cuvèe di Milano, al Palazzo Ducale di Genova e prossimamente alla Galleria Italia di
Parma.
Gabriele La Teana, classe 1990, inizia la sua attività nel 2004, masticando tanta carta e muri,
travolto dall’impatto dei graffiti e della Street art; è attivo fino al 2009, poi il blackout, qualcosa
lo logora dentro, quel qualcosa che esploderà in nuova arte nel 2018.


Dopo quasi 10 anni di assenza, riprende a disegnare volti, figure umane con tratti astratti che
raccolgono, nelle forti pennellate e spatolate, tutta l’emozione dell’artista.
Ogni tratto è come se fosse un colpo che l’artista ha subito e che riversa sulla tela. Ogni figura
rappresentata trasmette dolore, emozione, gioia e orgoglio, quasi a simboleggiare un grido nei
confronti del mondo che gli ha fatto sì tanto bene, ma altrettanto male.
L’artista vanta l’esposizione all’ART MALL di Milano, alla galleria Merlino di Firenze, alla libreria
Bocca di Milano e al Velasca di Firenze. In programma per il 2020 l’esposizione alla Galleria Brera
di Milano e presso lo Spazio Porpora di Milano.
La mostra pittorica è visitabile dal primo al trenta di giugno 2020 presso il MACA Museo d’Arte
Contemporanea di Alcamo sito in Piazza Ciullo: lunedì-martedì-mercoledì e giovedì dalle ore 16:00
alle ore 19:30; venerdì-sabato e domenica dalle ore 09:00 alle ore 12:30 e dalle ore 16:00 alle
ore 19:30.

Leave a Reply

Your email address will not be published.