La decisione di Alitalia di abbandonare a partire da luglio l’aeroporto di Birgi è la conclusione annunciata di un totale disimpegno della compagnia di bandiera, che colpisce con durezza le speranze di rilancio della nostra struttura aeroportuale. È inaccettabile – dichiara Antonio Gandolfo segretario provinciale Articolo Uno Trapani – che Alitalia, sostenuta dalle ingenti sovvenzioni statali pagate dai cittadini, non mantenga gli impegni assunti sulle tratte di Roma e Milano, di fondamentale importanza per i collegamenti delle nostre comunità. ARTICOLO UNO sostiene e partecipa all’ iniziativa unitaria di sindaci, sindacati ed organizzazioni imprenditoriali, con la manifestazione del 17 giugno, per chiedere il ritiro immediato della decisione di Alitalia e per ottenere l’intervento dei governi regionale e nazionale sul rispetto degli impegni, nell’interesse di tutto il territorio trapanese.

L’altro fronte sul tema della mobilità si è aperto con la richiesta del direttore generale di FUNIERICE di un aiuto da parte del comune di Erice per consentire la riapertura dell’ impianto di risalita. Una richiesta che desta forte perplessità, avuto riguardo ai considerevoli risultati di gestione conseguiti nei precedenti esercizi dalla società partecipata, peraltro respinta dal sindaco di Erice. ARTICOLO UNO esprime la propria solidarietà alla comunità Ericina che ha già sofferto l’isolamento durante l’emergenza sanitaria e adesso rischia di essere ulteriormente penalizzata dalla incomprensibile posizione assunta dal direttore di FuniErice. Alla amministrazione comunale ARTICOLO UNO chiede un incontro per rappresentare le ragioni e l’urgenza di intervenire con tempestività, al fine di rimuovere gli ostacoli alla immediata apertura dell’impianto e ripristinare i collegamenti a salvaguardia degli interessi di cittadini, operatori e economici e del turismo.

Leave a Reply

Your email address will not be published.