In apertura del Consiglio Comunale di Trapani, il consigliere Francesco Salone ha firmato la rinuncia al gettone di presenza della odierna seduta perché sia devoluto al fondo per le popolazioni terremotate del centro Italia.[su_spacer]

«Mi auguro anche altri colleghi, il sindaco e gli assessori faranno altrettanto e che complessivamente il consiglio comunale e l’amministrazione di Trapani sapranno esprimere concreta solidarietà verso le persone che hanno perso ogni bene materiale ma che non hanno perso e non possono perdere la speranza nel futuro» ha detto Salone.[su_spacer]

«Benché la solidarietà sia importante non posso fare a meno però di sottolineare come sia necessario, al di là dei gesti di liberalità, assumerci una responsabilità come amministratori pubblici – conclude Salone -. Mi chiedo, da Presidente della II Commissione permanente Lavori Pubblici, Opere Pubbliche ed Urbanistica, se tutti gli edifici comunali siano sicuri dal punto di vista statico, se tutti gli edifici siano a norma dal punto di vista delle proprietà antisismiche. In particolare mi riferisco alle nostre scuole, agli istituti, ai plessi, alle classi, alle palestre che ogni giorno frequentano i nostri ragazzi. Mi chiedo se siano stati eseguiti tutti gli adeguamenti per rendere anti sismici questi edifici. Nei prossimi giorni come commissione stileremo una richiesta formale alla amministrazione perché ci dia chiarimenti in questa direzione. Se così non fosse non esiterò a chiedere la chiusura di quegli immobili scolastici non a norma dal punto di vista delle misure anti sismiche. La prevenzione è importante quanto la solidarietà».

Leave a Reply

Your email address will not be published.