Realizzato nel 2005 all’interno dei locali del Santuario che ospitavano l’ex casa del pellegrino e convento dei frati francescani conventuali si sviluppa in vari ambienti dove sono esposte diverse opere d’arte non sempre minori come ex voto, dipinti, sculture lignee, suppellettili liturgici, oggetti sacri, messali.

Il primo ambiente è dedicato alle sacre immagini raffiguranti Maria Santissima di Custonaci. Di particolare rilievo storico è il dipinto del 1541 attribuito alla bottega del Crescenzio ritrovato su di una vecchia porta insieme ad un bassorilievo ligneo risalente agli inizi del XVI secolo raffiguranti la Madonna in trono con il bambino.

Il secondo ambiente è dedicato invece a mostre estemporanee su temi legati al santuario e/o al culto di Maria Santissima di Custonaci ma vi è collocato anche un vecchio orologio del 1700 recentemente restaurato. Proseguendo si arriva nel terzo ambiente dove si può osservare oltre ai vari dipinti ed ex voto la cosiddetta “Macchinetta” realizzata dagli emigrati americani devoti risalente al 1907 costituita da un elegante cornice in legno e vetro originariamente collocata a protezione del quadro originale posto all’interno dell’altare maggiore della chiesa. Al centro della sala invece si può ammirare l’elegante e taumaturgica cassa in legno la cosiddetta “vara della madonna” una cassa di forma rettangolare realizzata nel 1831 da Carlo Peraino e Giuseppe Loretta con sopra degli angeli a sorregge una corona arricchita da decorazioni dorate utilizzata per i trasporti del quadro originale della Madonna da Custonaci ad Erice.

Il Museo che ha stretto in questi anni una collaborazione con il Museo Regionale “Agostino Pepoli” di Trapani ospitando opere legate al tema del Natale è possibile visitarlo chiamando al 0923 971113 oppure mandando una mail all’indirizzo mail del nuovo sito info@santuariocustonaci.it 

 

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.