Oggi alle 18.30 tutte le comunità parrocchiali della diocesi si ritroveranno in cattedrale per la memoria liturgica della sua dedicazione. Durante la celebrazione il vescovo Pietro Maria Fragnelli darà indizione della visita pastorale e saranno proclamati i vincitori del concorso riguardanti la composizione del suo inno e del suo logo.

L’opera vincitrice del Concorso indetto dalla Diocesi di Trapani per l’inno della Visita Pastorale è la composizione del maestro Giuseppe Mignemi di Acireale. Il brano è stato selezionato tra 36 concorrenti giunti da tutt’Italia che si sono cimentati sul testo “La nostra chiesa proclama con franchezza” scritto da don Domenico Messina liturgista della Diocesi di Cefalù e docente alla Facoltà teologica di Palermo.

Per quanto riguarda il concorso per il Logo della Visita Pastorale la vincitrice è la trapanese Cristina Martinico il cui progetto grafico è stato scelto dalla Commissione di Arte Sacra presieduta da don Piero Messana tra gli otto partecipanti. Come richiesto dal Bando il logo s’ispira ad alcune strofe dell’Inno della Visita Pastorale. Due gli elementi sui quali punta l’idea progettuale: il chiaro rimando all’antica tradizione trapanese con il sale e il corallo elementi che sono stati elaborati in simboli teologici formando il Corpo e la Croce di Cristo.

“Nel complimentarmi con i due vincitori, desidero esprimere la mia gratitudine a tutti coloro che hanno voluto offrire il proprio contributo a questo evento squisitamente ecclesiale che mi preparo a vivere con tutta la Chiesa di Trapani – dice il vescovo Pietro Maria Fragnelli – Ho potuto apprezzare soprattutto la ricchezza di tutti i concorrenti e la varietà delle loro esperienze umane ed ecclesiali. Nella composizione dell’Inno non hanno partecipato soltanto siciliani o compositori affermati, ma si sono cimentati anche musicisti giovani e in erba: a loro voglio augurare che la bellezza della Musica sacra non sia un fattore estetico, ma l’opportunità per cercare e far incontrare il Maestro Gesù, che tutti vogliamo vedere. Anche per il logo il contributo dato da alcuni giovani ci incoraggia  nel cammino che come Chiesa stiamo facendo in preparazione del Sinodo.”

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.