Aperta ieri nei locali di Villa Favorita, alla presenza dei deputati Claudio Fava, presidente della commissione regionale antimafia e di Anthony Barbagallo, segretario regionale del PD, la campagna elettorale di Alberto Di Girolamo, candidato sindaco di Marsala. Grande attenzione al rispetto delle norme anti Covid, che il Sindaco ha ripreso anche nel suo discorso, attaccando l’Ass. Regionale Ruggero Razza per i ritardi nella gestione dell’emergenza e chiedendone le dimissioni.

Di Girolamo, Sindaco uscente, ha dato ampio spazio ai tanti progetti realizzati in questi anni, tra i quali spiaccano il nuovo parco autobus, ma anche il 65% di raccolta differenziata in città e i tanti cantieri partiti grazie alla capacità dell’amministrazione di intercettare i finanziamenti europei. Non è mancata la dura polemica ai suoi avversari, durissimo  l’attacco al Presidente del Consiglio Sturiano, oggi capolista di Forza Italia, accusato di aver fatto approvare negli ultimi giorni tre varianti urbanistiche sulle quali il Sindaco ha auspicato l’intervento della magistratura. Spazio anche per l’avversario di sempre Massimo Grillo, che così come cinque anni fa si presenta con una coalizione ampia dove c’è da Fratelli d’Italia al Psi, definito un professionista della politica che in tanti anni non ha prodotto nulla per Marsala.

Tra gli interventi degli assessori designati, molto appassionato quello di Linda Licari capolista di “Marsala Coraggiosa”, una lista civica ma che fa volutamente riferimento all’esperienza emiliana e a quel centro sinistra vincente, che parla di ambiente, diritti e guarda alle persone. Claudio Fava poi ha elogiato l’amministrazione che si è distinta nei metodi per una politica lontana da quella praticata in diversi comuni siciliani e Daniele Nuccio capolista dei Cento Passi ha dichiarato di essere soddisfatto per questo centro sinistra che si presenta unito a Marsala.

Degni di nota il minuto di silenzio voluto in apertura dal Sindaco in ricordo di Willy, Paola e delle altre vittime di violenza e il progetto per far diventare riserva lo Stagnone, ma anche l’entusiasmo che si respirava tra i candidati delle liste.

Nel pomeriggio la replica. Alla presenza del Segretario Regionale del Pd Anthony Barbagallo, del Segretario Provinciale Domenico Venuti e dell’On. Baldo Gucciardi è stata presentata la lista del Pd, sala piccola, pochissimi posti a sedere per i candidati, non lo stesso entusiasmo che si era respirato nella mattinata. Ccerto che di questi tempi si evitino gli assembramenti è un fatto assodato, ma dalla lista del Pd, alla prima uscita del neo Segretario Regionale a Marsala ci si aspettava una prova di forza diversa. Singolare peraltro la presenza dell’Onorevole Gucciardi che, come si ricorderà, a mezzo stampa, lo scorso anno, aveva sonoramente bocciato l’esperienza di Di Girolamo aprendo un caso nel partito. Evidentemente anche dopo le vicissitudini e i risultati congressuali si è dovuto adeguare a denti stretti. Sarà stato comunque un caso ma è stata notata l’assenza di tutti gli esponenti del Partito Democratico ad eccezione dei pochi “fedelissimi” di Gucciardi.

                                                                               S. R.

Leave a Reply

Your email address will not be published.