La terza commissione consiliare del comune di Erice presieduta dalla consigliera Simona Mannina e composta dai consiglieri Eugenio Strongone, Carmela Daidone, Vincenzo Giuseppe Di Marco e Santoro Alastra ha deciso di prendere posizione e intervenire sulla crisi che si è determinata sulla gestione dei parcheggi a pagamento dopo la decisione della SOES di abbandonare il servizio e licenziare il personale. La commissione, con un lungo comunicato “intende fornire alcuni chiarimenti in merito.

“… Nel corso di questa consiliatura, in diverse occasioni la III commissione ha affrontato la questione SOES e gestione parcheggi a pagamento, con lo scopo di approfondire la problematica e dare un impulso all’amministrazione, basta pensare che lo scorso anno questa commissione ha incontrato più volte il comandante dei vigili urbani e l’assessore al ramo approfondendo l’argomento.

La commissione, infatti, ritiene che il compito dei consiglieri è soprattutto quello di affrontare ogni problematica inerente il territorio e la cittadinanza, nonché quello di fare chiarezza ed approfondire ogni questione che ci si pone dinanzi.

Dai diversi incontri avuti con il precedente assessore al ramo, nonché con l’attuale assessore al ramo, i componenti intendono informare la cittadinanza dei chiarimenti ricevuti.

In particolare, risulta dirimente chiarire come ad oggi:• La SOES ha un organico composto da 24 dipendenti di cui 10 lavorano a tempo indeterminato full-time e pertanto lavorano per l’intero anno solare mentre i restanti 14 dipendenti hanno un contratto a tempo indeterminato di tipo verticale misto. Il riferito contratto è il risultato di un accordo fatto tra la SOES, il Comune di Erice e i sindacati a tutela dei lavoratori, in modo che codesti potranno essere assunti dalla prossima società che gestirà, verosimilmente, i parcheggi a pagamento. Ci sembra appena il caso di evidenziare, ad onore della verità, che tale contratto non consente ai dipendenti, nei mesi in cui non lavorano di percepire l’indennità di disoccupazione a differenza del recente passato, in cui i 14 dipendenti avendo un contratto a tempo determinato avevano diritto all’indennità erogata dallo Stato.• A voler essere precisi, il verbale di accordo sindacale stipulato il 17 aprile 2019 tra la SOES e le parti sindacali prevede quanto segue:

    I primi 7 dipendenti lavoreranno dal 15 marzo al 14 giugno

    Tutti i 14 dipendenti lavoreranno dal 15 giugno al 15 settembre 

    I restanti 7 dipendenti lavoreranno dal 16 settembre al 15 novembre • Considerate le scadenze riferite la SOES ha pertanto richiesto come data di proroga contrattuale con il Comune di Erice il 15 novembre 2021 in modo che tutti i lavoratori svolgano fino al 15 novembre le ore di lavoro previste dal verbale suindicato, senza discriminazione oraria tra i vari lavoratori; proroga che è stata accettata dall’amministrazione comunale.

I componenti della III commissione accogliendo le doglianze di TUTTI i lavoratori e delle loro famiglie, senza discriminazione alcuna, concordano che ad essere errato era il bando con cui si assegnava la gestione dei parcheggi a pagamento posto che lo stesso non prevedeva un numero minimo di ausiliari per strisce blu bensì solo le ore lavorative da assicurare.

Tutti i componenti concordano quindi che la situazione dovrà essere attenzionata ed approfondita sicuramente al prossimo bando/assegnazione del servizio con la società che sarà gestore posto che la priorità di tutti è quella di tutelare il posto di lavoro di tutti e 24 dipendenti, salvo diversi accordi (migliorativi) che potranno a breve stipularsi tra le varie parti contrattuali.

Questa commissione, negli anni, si è sempre occupata della vicenda e sempre lo farà, si dichiara disponibile sin da oggi ad incontrare tutte le parti in causa al fine di trovare insieme la soluzione più soddisfacente così come da nostro dovere e competenza”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.