Erice, un tavolo tecnico sui Disturbi di apprendimento

L’Amministrazione comunale di Erice propone un incontro volto all’istituzione di un Tavolo Tecnico con le altre Istituzioni coinvolte per competenza normativa (ASP e USR), sul tema dei Bambini e ragazzi affetti da disturbi comportamentali ADHD (disturbo da deficit di Attenzione ed Iperattività), di Apprendimento DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) e che più in generale necessitano di bisogni educativi speciali (BES). L’incontro si terrà mercoledì 16 marzo alle ore 10  presso gli uffici dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Erice, siti in Via Ignazio Poma / San Giuliano.[su_spacer]

“Da diverso tempo – sottolinea una nota del comune di Erice- pervengono all’amministrazione comunale segnalazioni da parte del mondo scolastico e invocazioni da parte di associazioni e famiglie affinché sia posta una maggiore attenzione da parte delle Istituzioni a vario titolo preposte, ai bisogni di bambini e ragazzi affetti da disturbi comportamentali ADHD (disturbo da deficit di Attenzione ed Iperattività), di Apprendimento DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) e che più in generale necessitano di bisogni educativi speciali. Il Comune di Erice ha provato a dare delle risposte con propri oneri e azioni, ma è chiaro che ogni intervento per essere efficace andrebbe pianificato in maniera organica e sinergica con le altre Istituzioni coinvolte per competenza normativa alle problematiche evidenziati quali ASP e USR. La peculiarità di tali disturbi investono, infatti, aspetti sanitari ma hanno risvolti anche sull’attività scolastica e sociale per cui è necessario programmare interventi congiunti, mirati, strutturati e duraturi, con l’ausilio di personale adeguatamente preparato e formato. Si converrà che la giostra delle competenze peculiari rispetto alla mancata organica pianificazione degli interventi oltremodo non può essere ancora tollerata. Al riguardo questa AC intende promuovere, per le finalità sopra evidenziate, la costituzione un Tavolo Tecnico per pianificare possibili iniziative da adottarsi di concerto tra le istituzioni coinvolte, al fine di dare una risposta concreta alle problematiche evidenziate e consentire agli alunni di migliorare la loro integrazione sociale e scolastica ed alle rispettive famiglie di acquisire maggiore serenità”.

Previous Post
Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *