Riceviamo dalla consigliera comunale di Erice Carmela Daidone e pubblichiamo

Nel corso della seduta del consiglio Comunale di Erice di ieri sera ho segnalato all’amministrazione comunale un grave disservizio. L’Azienda Sanitaria di Trapani ha deciso di impiegare, per il trasporto dei pazienti affetti da Covid, le due uniche ambulanze medicalizzate del 118 presenti nel territorio di Trapani e Erice, la 46, unico mezzo dotato di medico rianimatore, e la 55, sottraendole all’indispensabile servizio di emergenza che svolgono normalmente. Ho chiesto
alla sindaca di Erice Daniela Toscano, in quanto responsabile della Salute Pubblica, di attivarsi per chiedere chiarimenti in merito al grave disservizio.


Ho inoltre inviato una nota alla Direzione Generale dell’Asp di Trapani, indirizzata al commissario straordinario dott. Paolo Zappalà e al dott. Gioacchino Oddo, direttore sanitario Aziendale e presidente Unità di crisi, firmatari del documento, che ha predisposto tali trasporti.
E’ alquanto grave, a mio avviso, che per il trasporto dei pazienti Covid e sospetti positivi, vengano utilizzate le due uniche ambulanze medicalizzate.
Considerato che per il piano di emergenza prevede il trasferimento dei pazienti presso il presidio ospedaliero di Mazara del Vallo, a Palermo o nelle altre lontane province, a seconda della disponibilità dei posti, e che al termine del servizio l’ambulanza deve fermarsi per la sanificazione, la sottoscritta ritiene che sia gravissimo lasciare per ore e ore i cittadini di un territorio così vasto senza un’ambulanza con medico rianimatore.

Ho chiesto, inoltre, di sapere: poiché il trasferimento deve essere effettuato rispettando sempre le norme di contenimento della diffusione del Sars Cov 2”, nelle ambulanze del 118 esistono le barelle a contenimento biologico per il trasporto di questi pazienti infetti?
Se questo tipo di servizio deve essere svolto dal 118 perché l’Assessore alla Sanità Regionale non ha predisposto dei mezzi di soccorso dedicati senza sottrarre alla comunità trapanese l’importante servizio di 118 effettuato dalle sole due ambulanze medicalizzate con codice 46 e 55?


Il diritto alla salute è un diritto irrinunciabile.
Se i soggetti Covid diventano emergenza da 118, le altre urgenze, come gli arresti cardiaci e respiratori, solo per fare un esempio, da chi verranno gestite? Le facciamo aspettare?

                                Il consigliere Comunale 

                                     Carmela Daidone

Leave a Reply

Your email address will not be published.