Ad una settimana dalla conclusione dei festeggiamenti in onore di Sant’Alberto – Santo Patrono -, di San Lorenzo e della Madonna di Trapani, in onore della quale, anche quest’anno, il Comune ha commissionato i tradizionali fuochi d’artificio, è pervenuta al Comune, alla Prefettura, alla Capitaneria di porto e alle Autorità ecclesiastiche una nota da parte dell’Ente gestore della Riserva Naturale Orientata delle saline di Trapani e Paceco che chiede la delocalizzazione dal molo Ronciglio della base di lancio degli artifizi pirotecnici. In estrema sintesi, l’Ente gestore della Riserva motiva la richiesta dalla necessità di proteggere l’aviofauna, uccelli nidificanti (cavalieri d’Italia, avocette, fratini, fraticelli), fenicotteri e migratori autunnali del nord Europa (piovanelli pancianera, chiurli, albastrelli, mignottai, gambecchi, piro piro boscherecci, aironi cenerini e tanti altri ancora), taluni dei quali a rischio estinzione. Il frastuono degli spari, secondo l’Ente gestore, potrebbe avere gravi conseguenze sull’aviofauna, con l’abbandono dei nidi e, quindi, delle uova o dei piccoli, esponendoli all’aggressione dei predatori notturni.[su_spacer]

“Sono rimasto esterrefatto da una simile richiesta – ha dichiarato il Sindaco di Trapani, Vito Damiano– che, a pochi giorni dal 16, intenderebbe modificare lo svolgimento  dell’evento già programmato, finanziato e organizzato, e quindi, le condizioni contrattuali, per la realizzazione dei tradizionali fuochi pirotecnici, ai quali, da decenni, la cittadinanza assiste prevalentemente dalla via Amm. Staiti e dal viale Regina Elena. Non mi sarei meravigliato se tale richiesta fosse pervenuta da taluni consiglieri comunali avvezzi all’uso distorto dell’opposizione,  al solo scopo di mettere in difficoltà questa Amministrazione, magari non consentendo lo svolgersi dell’evento per creare ulteriore malcontento nella popolazione. Preciso -prosegue Damiano- che ho espresso all’Ente gestore la condivisione mia e dell’Amministrazione delle motivazioni a sostegno della richiesta e. quindi, della necessità di tutelare sia l’ambiente che la fauna, ma ho altresì sottolineato come non si possa sacrificare l’interesse generale della cittadinanza e dei fedeli, legati per tradizione decennale a tale evento. Una considerazione a margine intendo farla: nonostante l’evento della mezzanotte del 16 agosto si ripeta da così tanto tempo dal molo Ronciglio, si è assistito negli ultimi anni ad un incremento dell’aviofauna nella nostra Riserva naturale delle saline, certamente anche in forza della sensibilità e dell’attenzione, non solo delle organizzazioni ambientaliste e animaliste, ma della stessa popolazione locale che nel corso dell’intero anno dimostrano interesse al mantenimento delle condizioni ideali dell’ambiente e della fauna che in esso si sviluppa e vive. Ho già manifestato all’Ente gestore la disponibilità al confronto per individuare, in tempo utile per l’evento del prossimo anno, un luogo condiviso che contemperi le opposte esigenze della popolazione e dell’aviofauna. Ai fedeli e ai devoti della Madonna di Trapani annuncio che a breve sarà illuminata la statua della Vergine esistente alla “marina”.”

Leave a Reply

Your email address will not be published.