Si può apprezzare o no ma bisogna convenire su un cosa: la consigliera comunale Anna Garuccio sta dimostrando di svolgere pienamente il suo ruolo di consigliera di opposizione. Conta poco o nulla l’accusa di avere rotto con il Sindaco Tranchida per non aver avuto l’incarico promesso di assessore. Lei ha respinto motivando il suo totale disaccordo per quei metodi e linguaggio del Sindaco che adessocominciano ad essere molti  a condannare se non aprendere le distanze. 

La consigliera nel suo ruolo di consigliere comunaleha deciso di verificare quanto ci sia di quel trasparente, sempre dichiarato da Tranchida, nelle carte della sua amministrazione. Questa volta è andata a spulciare tra quelle del Luglio Musicale e la ricerca, secondo quanto fa sapere la stessa consigliera, ha dato i suoi “frutti”. A cominciare dai tanti ….omissis che celerebbero il contenuto di molti atti deliberativi. Omissis per cosa e perché? Ovviamente dovrà essere Tranchida a dover dare le spiegazioni.

Ma spulciando le carte si trova altro, per esempio l’affidamento, sia pure temporaneo, dell’amministrazione finanziaria dell’ente ad un cognome sconosciuto a Trapani: si tratta di Silvana Sateriale di Novara che sembrerebbe avere svolto lo stesso ruolo  in maniera continuativa presso il Teatro Coccia di Novara. Insomma Tranchida che  all’articolo 7, terzo comma, del regolamento per la partecipazione al bando per l’incarico di esperti contabili etc ( come la Sateriale ndr) chiede l’obbligo della residenza “ in provincia di Trapani”, se ne va sino a Novara a cercarla?

Che sia un’esperta a livello internazionale? Allora vai su google inserisci il cognome e nome e………spunta che dal 2019 la signora è indagata nel quadro di una indagine che riguarda proprio la gestione del Teatro Coccia di Novara e che recentemente ne è stato chiesto il rinvio a giudizio “ per il solo peculato”.

Siamo certi che la replica del Sindaco alla consigliera Garuccio arriverà presto, sulle forme si accettano scommesse.

                                                                                  A.V.