«Si è conclusa, con il tragitto per l’antico sentiero della Madonna di Custonaci che da Erice, passando per Valderice, arriva al rinomato Santuario mariano, la due giorni (alla presenza della conduttrice televisiva Licia Colò) dedicata all’inaugurazione della «dei sentieri trekking dell’Agro-Ericino.». Circa un centinaio di escursionisti, infatti, hanno preso parte al percorso lungo 14 chilometri, che partendo dalla baita di Erice si è snodato verso Caposcale e quindi l’arco del cavaliere fino a giungere ai piedi del miracoloso Quadro della Vergine.

Per l’occasione è stato tenuto appositamente aperto il luogo di culto e, soprattutto, l’annesso museo Arte e Fede, che ha dato l’occasione di far vedere ai partecipanti l’antica vara della Madonna, con cui si effettuavano i trasporti interrotti nel 1936. Diversi sono stati i punti di ristoro che predisposti dall’organizzazione hanno confortato gli escursionisti, che hanno goduto tra l’altro di una giornata, dal punto di vista climatico, a dir poco ottimale. Il paesaggio dell’Agro-Ericino ha fatto il resto, con scorci mozzafiato proiettati sul golfo di Bonagia e Monte Cofano sullo sfondo a fare da quinta naturale. I turisti, che hanno percorso i sentieri trekking dell’Agro-Ericino , accompagnati da guide esperte, hanno pertanto avuto modo di visionare uno dei 15 sentieri predisposti dal progetto finanziato dall’Assessorato Reg.le al Turismo, Sport e Spettacolo, che interessa qualcosa come 110 chilometri complessivi. È innegabile, infine, che da parte degli enti coinvolti (Gal Elimos (nella veste di capofila), CAI – Club Alpino Italiano GR Sicilia Onlus, Strada del Vino Erice Doc) e dei Comuni (Buseto Palizzolo, Castellammare del Golfo, Custonaci, Erice, San Vito Lo Capo e Valderice) ci sia parecchio ottimismo sul fatto che questo segmento turistico possa attrarre numerosi turisti a partire già dalla prossima stagione primaverile per giungere fino ad autunno inoltrato».

Leave a Reply

Your email address will not be published.