Incubo granata. Al “XXI Settembre-Franco Salerno” di Matera va in scena una partita pazza e dai risvolti imprevisti. Il Trapani spreca per l’ennesima volta un triplo vantaggio, butta via 2 punti che sembravano già acquisiti e non sfrutta l’occasione di avvicinarsi al Lecce capolista impegnato alle 16.30 contro il Siracusa.

Nella prima frazione succede di tutto. Il Trapani parte subito forte e tiene il pallino del gioco in mano senza far avvicinare troppo il Matera nella propria trequarti; al 16’ primo episodio chiave del match: angolo preciso di Bastoni e Silvestri incorna per il goal che vale l’1-0 granata. Per il difensore numero 14 è il terzo goal consecutivo in campionato. Il Matera subisce il contraccolpo del goal e dopo 5 minuti sembra affondare definitivamente quando, dopo un contropiede perfetto gestito dal tandem Murano-Evacuo, Maracchi di testa non lascia scampo a Golubovic su cross perfetto del numero 9 in maglia granata. Da quel momento il Trapani sembra poter chiudere del tutto il match ogni qualvolta si affaccia sulla trequarti della formazione lucana; da una punizione apparentemente innocua dai 30-35 metri Palumbo disegna una traiettoria perfetta per il colpo di testa di Evacuo che vale il 3-0 siciliano. Matera completamente scomparso dal campo e Trapani che ne approfitta ma Golubovic compie un autentico miracolo su Murano al 40’ ed evita il poker per la formazione guidata da un sempre più agitato Auteri. Quando il primo tempo sembra volgere al termine senza nessun patema, ecco il finale thriller che non ti aspetti. Nel giro di 4 min il Trapani disfa quasi del tutto il vantaggio ottenuto durante i primi 40 min; al 42’ un ingenuo errore di Rizzo regala il corner al Matera nel quale Urso è il più lesto di tutti e insacca per l’1-3 riaccendendo gli animi della squadra di casa. Passano appena 4 minuti e il Trapani la fa grossa, Fazio atterra in area un avversario e concede il rigore che Giovinco realizza nonostante Furlan indovini l’angolo. Calori e il Trapani rivedono i fantasmi della rimonta subita col Catanzaro.

La ripresa si apre con il Matera che prova il tutto per tutto alla ricerca dell’insperato pareggio mentre il Trapani si rintana nella propria metà campo. Fino al 78esimo succede poco o nulla, ma un perfetto contropiede granata trova Marras libero sulla destra di crossare al centro per Evacuo che anticipa tutti ma sfortunatamente colpisce il legno alla sinistra di Galubovic. Calori tenta di spronare la squadra nel cercare il 2-4 che vorrebbe dire portarsi a distanza di sicurezza ma il Matera non molla e al minuto 83 Furlan è costretto ad un autentico miracolo su colpo di testa a colpo sicuro di Urso. Lo stadio spinge i ragazzi di Auteri e proprio quando mancano 2 minuti al fischio finale il Trapani completa la frittata: fallo di Evacuo in uscita palla al piede dentro l’area di rigore e secondo penalty di giornata per il Matera. Dal dischetto il solito Giovinco non sbaglia e regala un punto preziosissimo al Matera, soprattutto visto come si era messa la partita. Nel finale espulso per doppia ammonizione Maracchi.

Doveva essere la partita della conferma contro una big e invece si è trasformata in un incubo. Per la seconda volta in un mese il Trapani si fa rimontare dopo un vantaggio di 3 gol e incappa in un pesante, pesantissimo passo falso nella città dei sassi. Sabato al provinciale arriva la Virtus Francavilla, altra squadra che sta facendo un campionato eccellente; chissà se il Trapani riuscirà a reagire a questa batosta e ad evitare altri passi falsi che incominciano ad essere un po’ troppi.

*foto di proprietà del Trapani Calcio

Leave a Reply

Your email address will not be published.