Riceviamo e pubblichiamo

Mai Era l’estate del 1996, in quel lontano luglio è nata la pecora Dolly, gli AC/DC hanno infiammato Madrid e poi c’eravamo noi, gli alunni della 5^A del Liceo scientifico Vincenzo Fardella di Trapani, che abbiamo conseguito la maturità. A 25 anni da quella data, ci siamo ritrovati per ricordare un momento speciale che per tutti rappresenta uno spartiacque. Niente più banchi in prima e ultima fila, la cena di classe è un momento per fare un bilancio tra sogni, desideri e aspettative raggiunte e mancate.Un salto nel passato tra aneddoti, storie e soprattutto i tanti ricordi di chi a 18 anni ha una vita intera davanti e la paura di affrontarla. La brutta figura durante la versione di latino; il fantacalcio del lunedì; il campeggio a Favignana e la gita in Spagna; la corsa della professoressa al grido “si salvi chi può” quando c’è stato il terremoto.

Rivedersi è stato come metterci davanti allo specchio. Chi è completamento diverso, chi ha un nuovo taglio di capelli, chi i capelli non ce li ha più e a quel tempo li portava lunghi, legati a dispetto dei commenti di certi professori. Chi ha cambiato città e anche nazione, chi è rimasto legato alla propria terra. Ragazzi, ora adulti, compagni di scuola e amici. Insieme abbiamo percorso un pezzetto della lunga strada della vita. Quello che è certo, ognuno di noi ha lasciato un segno. All’appello hanno risposto “presente”: Adamo Gaspare, Barraco Giacoma, Bica Maria Grazia, Buscemi Claudia, Cordio Alessandro, Di Gregorio Giovanni (Gianni ) , Giacalone Francesca, Guarnaccia Magda, La Sala Antonina (Ninni), Lentini Giulia, Magaddino Vito, Marceca Loredana (Lolly), Messina Alessandro, Messina Giovanna, Minetto Fabiola, Napoli Tommaso, Peralta Filippo, Petralia Giovanni (Gianni), Rizzo Massimiliano (Massimo), Rondello Antonella (Lella), Sciortino Massimiliano (Massimo), Scuderi Francesco (Ciccio), Scuderi Tiziana, Tobia Romina, Tortorici Matilde, Via Salvatore. Vogliamo ricordarci come in questa polaroid scattata in un’estate lontana cinque lustri. Dedicato a noi della 5^A