Ogni anno in Italia si verificano migliaia di incidenti stradali che provocano vittime e feriti,  purtroppo sempre in aumento nonostante l’entrata in vigore del reato di omicidio stradale.

C’ è poi un particolare sul quale fare una riflessione. Secondo i dati forniti da Carabinieri e Polizia, paradossalmente negli ultimi due anni è diminuito il numero degli incidenti ma è salito il numero dei morti ovvero gli incidenti uccidono più che in passato.

Uno dei motivi fondamentali sembra essere l’assunzione di alcool e stupefacenti da parte del conducente.

Le Forze dell’ Ordine fanno abitualmente controlli a tappeto e hanno messo in atto “un nuovo protocollo operativo basato sull’effettuazione direttamente su strada, di test di screening sulla saliva”  per verificare una eventuale  “assunzione di alcool e di sostanze stupefacenti o psicotrope”

In questo senso si sta svolgendo un grande lavoro di prevenzione ma oltre ad alcool e droghe  c’è un terzo responsabile di cui si parla poco,  la sicurezza del veicolo e in particolare dello stato dei pneumatici.

Uno studio effettuato da Polizia Stradale in collaborazione con Assogomma e Federpneus ci segnala infatti che il comportamento degli automobilisti italiani rispetto alle gomme è preoccupante.

 Spesso infatti si rileva come il cambio gomme venga da molti ignorato nonostante vi sia  la direttiva che obblighi ad effettuarlo nel periodo 15 novembre /15 aprile.  Inoltre c’è in generale un atteggiamento di trascuratezza verso lo stato dei pneumatici.

Da questo studio emerge che una percentuale altissima, poco meno del 40% delle auto controllate, non ha i pneumatici a norma.

Ricordiamo che l’ unica eccezione al cambio gomme obbligatorio è la scelta di montare pneumatici 4 Stagioni.

Nonostante siano molte le campagne di sensibilizzazione  sull’argomento,  al fine di tutelare la nostra e l’altrui sicurezza, sono ancora troppi coloro i quali mostrano disinteresse.

Viaggiare con pneumatici termici di estate o estivi d’inverno ci espone a rischi altissimi: allunga i tempi di frenata, riduce l’aderenza al suolo e usura più velocemente il battistrada con quanto ne deriva sempre in termini di sicurezza.

Non dimentichiamo infatti che l’unico punto di contatto della nostra auto al suolo sono le gomme, non possiamo prescindere dalla loro affidabilità.

A parte la negligenza  di alcuni  che ancora pensano che cambiare le gomme sia  inutile, si è rilevato che spesso all’origine del mancato adeguamento alla normativa, nonostante la conoscenza delle direttive,  c’è un motivo economico.

Cambiare le gomme costa.

Per contenere i costi, viaggiare sicuri e ottemperare alla normativa oggi c’è un nuovo alleato, il web

L’offerta è ampissima, basterà entrare per esempio in un sito come www.pneuzilla.com  per trovare con un solo click centinaia di marchi, modelli, tipi di pneumatico a prezzi vantaggiosissimi e un ottimo servizio di consulenza.

Viaggiare in sicurezza, la propria e quella degli altri, è un dovere di tutti e con il web oggi non abbiamo più scuse per sottrarci.

Leave a Reply

Your email address will not be published.