L’ultimo atto della campagna elettorale di Trapani

Si è conclusa ieri, nel popolare rione Sant’Alberto, la campagna elettorale di Piero Savona, unico candidato rimasto in corsa per la poltrona di primo cittadino di Trapani. Circa 300 persone hanno ascoltato l’ultimo accorato appello al voto di Savona ma l’elemento principale  della serata è stato il clima di serenità e l’atmosfera di festa che si è riusciti a trasmettere a  donne e uomini che quotidianamente vivono le difficoltà comuni a coloro che si sentono cittadini di serie B.

E’ stata una campagna elettorale anomala (per usare un eufemismo), dai toni aspri e dai tratti oscuri di cui nessuno sentirà la mancanza e ci vorrà del tempo per smaltire le scorie di questa dissacrante tornata mediatico-elettorale. Tuttavia, provando a vedere il bicchiere mezzo pieno, in tutto questo periodo tanti, tantissimi trapanesi hanno curato il morbo dell’atavica passività che li caratterizza e si sono interessati ai problemi della cosa pubblica.

Ormai manca l’ultimo step: la sfida di Savona contro il quorum del 50%+1 degli iscritti alle liste elettorali. Se tale soglia dovesse essere superata, domenica notte Trapani avrà un sindaco, se così non sarà, la Regione manderà un commissario. Domenica i cittadini trapanesi sono chiamati a votare per questa scelta ed i seggi resteranno aperti dalle 7 alle 23.

 

Previous Post
Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *