Marsala: morto il bimbo finito in coma dopo aver battuto la testa, la nota dell’Asp Trapani

Non ce l’ha fatta il piccolo Andrea Mistretta, il bimbo di tre anni finito in coma dopo avere battuto la testa mentre stava giocando nell’abitazione familiare domenica scorsa. Il suo cuore ha cessato di battere ieri.[su_spacer]

In relazione al caso, la Direzione strategica aziendale dell’ASP di Trapani ha chiesto alla direzione sanitaria dell’ospedale Paolo Borsellino di Marsala una prima disamina dei fatti accaduti durante il ricovero, dove si evince come abbia ricevuto tutta l’assistenza necessaria, con tempestività e abnegazione.[su_spacer]

“Giunto alle ore 21.10 al pronto soccorso, date le gravissime condizioni, trattandosi di codice rosso, viene immediatamente visitato, effettuati gli esami ematochimici ed emogasanalisi e immediatamente intubato. Viene eseguita la TAC encefalo, che evidenzia vasto ematoma fronto-parieto-occipitale ed emorragia epidurale. Viene stabilizzato e si avvia la procedura per trasferimento in urgenza in Neurochirurgia dell’ospedale Villa Sofia di Palermo. Si richiede tramite chiamata e invio fax al 118 l’elisoccorso, dove viene riferito dal medico della centrale operativa che l’elicottero è in fermo tecnico, e che, comunque, i tempi per il trasporto del paziente a mezzo ambulanza, sarebbero stati sovrapponibili a quelli effettuati con l’elicottero. L’ anestesista di guardia, che aveva già preso in carico il piccolo paziente, decide di accompagnarlo personalmente presso l’ospedale di Palermo, assicurando la continuità dell’assistenza prestata. In 45 minuti sono stati effettuati quindi tutti gli esami e gli interventi del caso. Il bambino, pertanto, viene dimesso per il trasferimento alle ore 21,59 e collocato in ambulanza  dove il medico, mentre monitorava il paziente, prima della partenza, chiedeva una sacca da collegare al sondino nosogastrico che veniva prontamente reperita presso la sala del Pronto soccorso. Durante il tragitto in ambulanza il medico rianimatore ha provveduto al monitoraggio e alla ventilazione del paziente e predisposto all’intervento secondo le indicazioni dei colleghi della neurorianimazione di Palermo”. Così recita una nota dell’Asp Trapani.[su_spacer]

“Con immediatezza ho attivato le verifiche ispettive – ha dichiarato l’assessore regionale alla Salute Baldo Gucciardi – e dalle prime risultanze il percorso assistenziale non sembra  presentare criticità. In ogni caso presto disporrò di tutti gli elementi per una valutazione definitiva. Esprimo sentitamente il dolore per un episodio tanto tragico che colpisce profondamente una intera comunità.”

Previous Post
Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *