Il Sindaco di Trapani Vito Damiano in relazione all’articolo di ieri da noi scritto e alle relative dichiarazioni di taluni operatori del settore tiene a precisare che  il Comune non è gestore di alcun mercato ittico.

L’area a suo tempo individuata per lo svolgimento delle attività mercatali è stata adeguata all’esigenza dal Comune proprio per venire incontro alle necessità dei venditori, in attesa della necessaria regolamentazione.

Quindi, quanto fatto dal Comune sin qui è stato per tutelare i livelli occupazionali di quegli operatori che oggi, fuori luogo, lamentano scarsa attenzione.

Inoltre, si sta cercando di salvare la tradizione di un mercato ittico che, oltre a soddisfare le esigenze dei cittadini, deve vivere di vita e dignità proprie con il doveroso apporto, anche, economico della categoria. Questo il motivo per cui si è proceduto a redigere un regolamento, approvato dal consiglio comunale, che metta finalmente ordine e definisca le singole competenze e responsabilità.

Tutto ciò potrebbe dare fastidio a chi è abituato a vivere nella confusione e nel non rispetto delle regole, ma non può accettarsi la pretesa del tutto dovuto e tutto gratis.

Non foss’altro per equità e rispetto nei confronti di chi, con sacrificio ed impegno quotidiano, paga regolarmente l’affitto di un locale dove esercita la propria attività commerciale (pescherie) sostenendone TUTTE le relative spese (acqua, luce, rifiuti speciali, IMU, TARI, ecc.) e cercando di essere in regola per non incorrere nelle possibili sanzioni derivanti dai controlli di Comune, ASP e altri organi istituzionali.

La temporanea chiusura dell’area per interventi necessari a garantire le minimali condizioni di igiene e salubrità, è  un ulteriore sforzo che l’Amministrazione sta facendo per assicurare la sopravvivenza del mercato ittico venendo incontro, come ha sempre fatto sin qui, alle esigenze, ma quelle legittime, degli operatori ai quali viene richiesto, per la prima volta, di fare la loro parte.

È una parte importante in quanto attiva e collaborativa in assenza della quale la struttura è destinata a chiudere definitivamente.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.