Progetto per Trapani denuncia: “Mezzi della nettezza urbana hanno violato sacralità Chiesa del Purgatorio”

chiesa purgatorio“Una immagine lascia sgomenti in questi giorni, alla fine della sacra Processione dei Misteri che si ripete a Trapani da circa 400 anni, i cittadini e devoti trapanesi. Parliamo della presenza all’interno della Chiesa delle Anime Sante del Purgatorio dei mezzi della nettezza urbana che violano la sacralità dei luoghi sede delle vare che compongono i Sacri Gruppi  della centenaria processione trapanese”. A denunciare l’accaduto, attraverso una nota stampa, l’associazione Progetto per Trapani.[su_spacer]

“Ci chiediamo –continua il direttivo dell’Associazione- se fosse strettamente necessario entrare con tutti i mezzi per effettuare la pulizia della chiesa che si preparava a riaccogliere le sacre rappresentazioni artistiche della passione e morte di Cristo.  Quali sono le ragioni tecniche di un siffatto comportamento che, oltre a rappresentare un serio rischio per i danneggiamenti dovuti ad errate manovre dei mezzi, urta pesantemente la sensibilità non solo dei tanti devoti ma anche semplicemente di chi guarda con occhi attoniti la totale mancanza di educazione civica e rispetto per dei luoghi che rappresentano la storia, la cultura e la tradizione di questa nostra città di Trapani? Pensiamo, inoltre, che sia questa, un buona occasione per riflettere sul ruolo e sulla giusta attenzione da dare ai beni culturali e patrimoniali collettivi  del nostro territorio. Auspicheremmo che l’immagine che gira sui social fosse un fake… Non si  tratta di una bufala a quanto pare la circostanza della totale assenza di mezzi pubblici di trasporto che il giorno di Pasqua sono rimasti parcati là dove si trovano… Lasciando spazio alle proteste di tanti turisti…Noi avremmo preferito invece un sufficiente servizio pubblico al passo con una città turistica piuttosto che un danno di immagine…l’ennesimo, per i trapanesi. Ovviamente chiediamo che chi di dovere dia delle spiegazioni ragionevoli alla cittadinanza”. 

Previous Post
Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *