Da quando nel 2010 è entrata in vigore la legge che obbliga alla sostituzione stagionale delle gomme, molti automobilisti sono entrati in panico, anche se per la verità ne circola ancora una buona percentuale che non ottempera alle regole mettendo a rischio la propria e altrui sicurezza.

Secondo l’ultimo rapporto di Polizia Stradale in collaborazione con Assogomma e Federpneus, su 13.000 auto controllate tra metà aprile e metà giugno dello scorso anno, ben 4900 erano ancora equipaggiate con pneumatici invernali, circa un migliaio montavano un equipaggiamento non omogeneo e le restanti montavano correttamente pneumatici estivi.

La maggior parte di coloro i quali non effettuano il cambio gomme invernale lo fa per una questione di risparmio, anche se bisogna riconoscere che negli ultimi anni i prezzi si sono decisamente abbassati e lo pneumatico invernale costa solo un 10% in più rispetto all’ estivo.

Se ci si rivolge infatti al mercato dei pneumatici on-line in negozi come  www.gommejohnpitstop.shop, sarà possibile trovare un’offerta estremamente ampia sia per quanto riguarda marchi che modelli e soprattutto prezzi, sempre molto competitivi.

Sarà a vostra  disposizione inoltre uno staff di specialisti in grado di aiutarvi ad individuare la gomma giusta per la vostra auto, le vostre esigenze di chilometraggio annuo, il vostro stile di guida.

Sul fronte del risparmio è chiaro ed evidente che utilizzare nel corso dei 12 mesi due treni di gomme farà si che si usurino molto meno e durino molto di più.

Anche il costo di montaggio ormai è stato abbattuto e sono molti i gommisti che lo  effettuano con circa 30 euro compresa l’ equilibratura delle ruote.

Come abbiamo visto dai numeri percentuali poco sopra, sono però ancora in molti a non rispettare la normativa.

Normalmente riesce a farla franca chi si muove solo in città dove i controlli sono più rari  mentre a rischio altissimo è chi si muove in aree extra urbane.

Ai recidivi, cioè coloro che vengono fermati due volte per la stessa infrazione, vengono anche decurtati 3 punti sulla patente.

La differenza fondamentale tra pneumatici estivi e invernali sta nel battistrada e nella mescola.

La gomma invernale, più morbida, garantisce alle  basse temperature un’ottima aderenza anche su  fondi stradali spesso difficili poiché entra più velocemente in temperatura d’ esercizio e mantiene una elevata elasticità dei tasselli.

Abbiamo fatto fino a qui una serie di considerazioni di carattere economico, tecnico e normativo ma la considerazione più importante da fare è legata alla sicurezza della guida e alla prevenzione di incidenti.

Chi guida senza aver montato i pneumatici conformi alla stagione rischia maggiormente di fare incidenti e al proposito ricordiamo che è stato introdotto il reato stradale.

Ciò significa che se non si sono montati i pneumatici invernali e si causa un incidente con ferite ad un pedone o al conducente dell’ altra auto guaribili in oltre 40 gg. si verrà perseguiti penalmente.

Verrà immediatamente ritirata la patente di guida e  il Giudice successivamente valuterà se sospenderla per 5 anni.

Anche l’assicurazione, nel caso in cui fossimo responsabili del sinistro,  aumenterà sensibilmente i costi della polizza.

Fatte le debite considerazioni quindi, non rispettare la legge costa molto di più che rispettarla.

Leave a Reply

Your email address will not be published.