Ritrovata la carcassa carbonizzata di un cane. Rizzi: «Servono pene più severe per chi commette simili crimini»

La carcassa totalmente carbonizzata di un cane è stata rinvenuta ieri mattina, in via Piro, a Locogrande. Il ritrovamento è stato segnalato da un residente in zona che per caso ha notato i resti dell’animale sul terreno vicino al ciglio della strada. La triste scoperta è stata immediatamente segnalata alla polizia municipale che stamane è intervenuta per rimuovere la carcassa e per raccogliere i referti da inviare alla procura in vista dell’avvio delle indagini sul caso. Questa mattina si sono recati sul posto i carabinieri della stazione locale di Locogrande, i vigili urbani, i dipendenti del canile comunale di Trapani e il servizi sanitario dell’Asp che ha provveduto al sequestro della carcassa e al suo trasferimento a Palermo per eseguire l’autopsia. Sono infatti al vaglio degli inquirenti le ragioni del decesso dell’animale, non si sa ancora se esso sia stato bruciato vivo o se sia stato prima maltrattato e reso oggetto di piromania dopo l’avvenuto decesso.

In merito alla macabra scoperta è intervenuto l’animalista Enrico Rizzi, presidente Nazionale del Nucleo operativo Italiano Tutela Animali, presente questa mattina sul luogo del ritrovamento: «Servono pene più severe per chi commette simili crimini. La carcassa che vedere a terra è di un randagio, bruciato da gente senza scrupoli. Un mio concittadino mi ha informato perché ha deciso di non voltarsi dall’altra parte. Ho chiesto l’intervento di Carabinieri, Polizia Locale e ASL, tutti intervenuti. Ringrazio, a nome di tutti gli ambientalisti, il signore che ha effettuato la segnalazione per la sensibilità dimostrata e rivolgo un appello a tutti i cittadini: prego chiunque possa essere d’aiuto alle indagini in corso di rilasciare la propria testimonianza presso gli uffici competenti».

Previous Post
Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *