Rimane valido il Regolamento per l’occupazione degli spazi pubblici a San Vito lo Capo, e dunque bar e ristoranti dovranno adeguarsi sostituendo alle strutture esterne chiuse i dehors coperti da ombrelloni. E’ questa la interpretazione autentica fornita dallo studio legale di fiducia del Comune alla recente sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa che aveva accolto in parte il ricorso contro il pronunciamento del TAR Sicilia che aveva bocciato la sospensiva del regolamento chiesta da alcuni ristoratori.[su_spacer]

Secondo lo studio legale Caramanna, incaricato dal Comune della Costa Gaia, della sospensiva sancita dal CGA potrebbero beneficiare “solo coloro i quali siano destinatari di concessione rilasciata sotto il vigore del precedente regolamento che tuttavia sia ancora in corso di efficacia temporale”; in pratica solo chi è titolare di una concessione di suolo pubblico ancora valida potrebbe fare slittare l’adeguamento alla nuova normativa, avendo l’organo giurisdizionale sancito la non retroattività dell’efficacia del regolamento.[su_spacer]

“In realtà nessuno dei circa 200 titolari di pubblico esercizio ha una concessione tuttora valida essendo queste scadute nel 2015 – spiega il sindaco Matteo Rizzo – e dunque tutti dovranno adeguarsi alle nuove norme, anche se la quasi totalità ha già smontato le vecchie strutture e sta provvedendo in tal senso”.[su_spacer]

Già molti turisti hanno scelto San Vito per la loro vacanza di Pasqua: “Come è accaduto in passato per alcune scelte forti dell’Amministrazione, dalla chiusura al traffico veicolare della Baia Santa Margherita alla zona a traffico limitato – dice il sindaco Rizzo – in principio si sono registrate contrarietà e proteste, poi alla fine i risultati e il gradimento dei turisti hanno messo tutti d’accordo; confido che sarà così anche per il nuovo arredo urbano, che renderà il paese più elegante e appetibile per un turismo sempre più rispettoso del territorio”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.