Sei migranti con la qualifica di “rifugiati”, provenienti da Mali, Gambia, Senegal, ospiti presso lo SPRAR gestito dalla Cooperativa sociale Badia Grande di Trapani, collaboreranno con il Comune di San Vito lo Capo nel servizio di raccolta dei rifiuti per un periodo di novanta giorni.

L’interessante esperimento di integrazione mediante un tirocinio formativo nel campo dei servizi di igiene pubblica ambientale presso il Comune sanvitese rientra nella iniziativa sorta grazie alla sinergia tra lo stesso Comune, la Cooperativa Badia Grande (che è il soggetto promotore) ed Energeticambiente, gestore del servizio di raccolta differenziata dei rifiuti (soggetto ospitante). Nessun onere finanziario sarà a carico dell’Amministrazione comunale.

“Ho accolto immediatamente e con piacere il suggerimento dell’ingegnere Salvatore Genova, direttore esecuzione del contratto – dice il sindaco Matteo Rizzo – e sono felice che il nostro territorio possa aiutare questi migranti nel loro inserimento nella società”.

A San Vito lo Capo, come negli altri centri della provincia, lo smaltimento dei rifiuti è paralizzato dalla chiusura e dalla inadeguatezza delle discariche: “Il nostro personale sta facendo il possibile e anche l’impossibile – assicura il sindaco Rizzo – ma quando non possiamo trasportare i rifiuti in discarica non c’è nulla da fare, spero che la situazione si normalizzi e che l’ausilio di questi nostri ospiti possa regalare a turisti e residenti una efficiente raccolta differenziata, a salvaguardia dell’ambiente e della salute”

Leave a Reply

Your email address will not be published.