In Sicilia da tempo si parla di chiusura dei punti Snai, l’azienda delle scommesse sportiva made in Italy infatti ha un bilancio in rosso e per questo motivo da tempo ormai che spesso arrivano lettere di licenziamento.

In Sicilia abbiamo avuto persino delle manifestazioni e degli scioperi regionali per i licenziamenti e le riduzioni dei punti Snai di Catania, Ragusa , Marsala e hinterland Palermitano. Una vertenza singolare quella degli operatori dei punti Snai che ha appassionato la stampa per diversi mesi.

Intanto mentre si chiudono o si diminuisce l’operatività dei punti gioco fisici si investe sul digitale.

Gioca su snai casino è la nuova pubblicità che da tempo si nota nei social e nelle testate locali, non solo persino radio e tv lanciano il messaggio.

La notissima Snai sta investendo sulla digitalizzazione del comparto e anche nella nostra realtà avanzano ormai le giocate provenienti da device mobili o comunque digitali come il buon vecchio pc da scrivania o il portatile.

 

La Snai però oltre che a rivoluzionare il modo di giocare sta cambiando proprio le modalità di interfacciarsi con i cittadini: non solo gioco ma tanto altro.

Qui e là per l’Italia, a breve forse anche in Sicilia la Snai proporrà altre soluzioni così come fatto a Milano dove, per la prima volta dopo anni è stato aperto l’Ippodromo che nei giorni scorsi ha incontrato 50 bambini di alcune scuole elementari, non certo per educare loro al gioco ma per far scoprire la storia della  pista calcata dai più grandi purosangue della storia dell’ippica.

Si parla dell’ippodromo di San Siro, storico ed amatissimo: la Snai investe nuovamente tanto sui cavalli ed infatti a Milano si cambia persino logo.

Cambia il logo dell’ippodromo di Snai di San Siro che diventa il  Cavallo di Leonardo, la scultura equestre emblema dell’impianto milanese, stilizzata in rosso. Un marchio che segna un cambio di passo un riavvicinamento al mondo vero del gioco, un voler bypassare in qualche modo le ormai antiquate sale gioco ritornando ai vecchi investimenti aziendali quelli nel mondo reale.

Un cambio di passo importante per la società che comunque, dopo le ultime cessioni azionarie, ha indubbiamente dovuto riprendere un percorso di investimenti differenti. Il colosso del gioco made in Italy, infatti, non è in crisi solo in Sicilia ma un po’ ovunque ha dovuto cambiare gli organici di lavoro di tantissimi punto esclusivi o di affiliati.

Battere la concorrenza dei casinò e delle proposte digitali è veramente complesso, la Snai, sta puntando ad un cercare di riprendere il vecchio rapporto con coloro che amano seguire lo sport e gli sport senza dover far cambiare le abitudini di chi ha sempre creduto in quella azienda, forse tra le più pulite e chiare del panorama del gaming.

Leave a Reply

Your email address will not be published.