Tonnare siciliane e sarde, una memoria condivisa

Sarà Ninni Ravazza, trapanese e autore di diversi libri sulla pesca del tonno, ad inaugurare ufficialmente venerdì prossimo 14 luglio il Museo della Tonnara di Stintino, lo splendido paese nel nord della Sardegna dove veniva calata la Tonnara Saline. Il Museo è un bellissimo esempio di recupero della memoria e dell’architettura industriale: è stato realizzato infatti nei locali dove veniva lavorato il tonno pescato nella tonnara Saline. L’iniziativa è stata fortemente voluta dal sindaco di Stintino, Antonio Diana nipote dell’ultimo rais della Saline, e dal Centro Studi sulla Civiltà del Mare con Salvatore Rubino ed Esmeralda Ughi infaticabili organizzatori. Nel museo ci sono anche diverse fotografie delle tonnare trapanesi, e sul lungomare di Stintino è esposta la mostra fotografica sui “Re dei Mari” con le immagini dei grandi rais sardi e trapanesi. Ninni Ravazza ripercorrerà il cammino parallelo delle tonnare siciliane e di quelle sarde, in un momento in cui gli stock di tonno rosso nel Mediterraneo sono in grande aumento, cosa che può preludere alla ripresa della pesca tradizionale, come si ipotizza per la tonnara di Favignana e forse anche Bonagia.

Previous Post
Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *