La tragedia di cui è stata teatro il porto peschereccio di trapani questa mattina probabilmente era evitabile: un uomo, di 51 anni si è sentito male mentre si trovava in auto con la moglie, probabilmente colpito da arresto cardiaco.

L’intervento dell’ambulanza medicalizzata del 118, non è riuscito a salvargli la vita.

Fa riflettere il fatto che a pochi metri di distanza, ci fosse una postazione di un apparecchio defibrillatore, vuota.

Secondo quanto appreso, l’uomo era un operatore sanitario, e avvisati i primi sintomi, ha cercato di raggiungere proprio quella postazione, ma il defibrillatore non c’era, sembra che sia stato rubato mesi fa da ignoti.