Per quanti  hanno  a cuore le sorti del comune di appartenenza, tento un aggiornamento e qualche riflessione. Prima però devo porre un problema e sollecitare attenzione. Ho visto ,a Trapani, un paio di vetrine  con la scritta” io ci sono”. Una affermazione , partendo da Cartesio e arrivando a Freud,molto imbarazzante ed angosciante: crisi di identità?.

Anzicchè farlo sapere,bastava rivolgersi al dott. Scarpitta,psichiatra e se del caso tentare una deroga alla legge Basaglia.

So per certo  che, rebus sic stantibus, il gregge si stia disperdendo.

E comunque non mi meraviglia più di tanto: in ogni competizione elettorale c’è sempre un malato mentale, un professionista, un sognatore, un deficiente, tanti incapaci, un chierichetto. Così è se vi concentrerete.

Nella sostanza , melodrammatica.

Erice.

Molto malessere e tanti default.

Toscano è in buona discesa libera. Ho i miei dubbi che sarà sostenuta da Ericechevolevano (gianni Mauro se ci sei, batti…) e le tante liste a sostegno non le vedo, ma rimane in lizza, ad oggi. Le Riconosco un 12/21%

Nacci,invece, è in salita. Il ritiro della candidatura di Maurizio Sinatra e ”l’accordo progettuale”(ora si chiama così il cambio casacca) tra i socialisti e Forza italia rendono Nacci un competitor credibile. A meno chè al suo posto non andrà Oddo. E’ tipico del soggetto: come si vendette Spina, potrebbe riaccadere se il deputato regionale intuisse margini di successo. Riconosco un 10/18%.

Montalto è , assieme alla  Virgilio, la novità prorompente di questa competizione. Conoscitrice del territorio di appartenenza. Aggrega fasce sociali che ogni giorno lottano anche per vivere. Una candidatura interessante,un pò  indebolita dall’onnipresente marito_Luigi Manuguerra( un po’ in disparte sarebbe salutare), anche se ne è l’ideatore. Riconosco un 8/13%.

Daniela Virgilio, come dicevo , è una proposta fresca. Ha competenza, sa di cosa parla, pare con idee chiare e ha focalizzato il problema dei nostri territori: portare l Europa ad Erice. Sotto certi aspetti  la definirei renziana.  E’ sostenuta  dall’on. Gucciardi, dal presidente della regione e dal portatore degli scheletri nell’armadio, Lumia. Ad oggi Riconosco un 7/11%.

Una sinergia vincente si avrebbe nel fondere le forze Montalto+Virgilio , con Virgilio sindaco e Montalto vice con delega alle politiche sociali.

Trapani.

Poche novità ma significative, si fa per dire.

Savona ha aperto una officina, non meccanica, ma delle idee. Non ho notizia di grande partecipazione, ma il suo poster da chierichetto dice chi è.

Penso sia decoubertiniano, ma il PD avrebbe dovuto proporre Cassius Clay. Salvo fatti nuovi (li vedremo appresso) non supera il 15% e son largo.

Marascia  va a gonfie non vele ma fantasie.

Non so se sarà Salone o il presidente dell’associazione Agorà o Romano il candidato sindaco di quel gruppo che era vicino a Fazio e, quindi, non ho idea. Approssimativamente se su Salone o chi per lui dovesse riversarsi tutto, dico tutto, il consenso che avrebbe raccolto quant’altro, riconosco un 15/19%. IL dato cambierebbe se, last minute, venisse indicato Tranchida.

Non trascuro la ricandidatura Damiano, che ,salvo forti novità, ad oggi vale un buon 7%.

Ed infine Elio le storie tese: D Alì SI, D Alì No, è il mondo dei……

D Alì E’ candidato a sindaco di Trapani. Punto , a meno chè…..

A meno chè il centro destra siciliano non lo indicasse come proprio candidato alla presidenza della regione. Questa e solo questa  la ragione per cui ancora non è stato sciolto il tendine.  Perchè ha da pagare un conto alla città falcata.

Alla prossima.

Peppe Bologna

-N.B. – Lo scritto di  Peppe Bologna, corrisponde al pensiero del suo autore e  non necessariamente alla linea editoriale del giornale.            

f.to Il direttore responsabile

Leave a Reply

Your email address will not be published.